NULL Alfonso De Albentiis - Habitual Tourist
login
Visualizza sulla mappa

Nasce a Teramo nel febbraio del 1871. Dopo i primi studi nella sua città natale si trasferisce a Napoli, dove consegue prima il diploma di Scienze Matematiche, poi la Laurea in Ingegneria Civile, nel 1899. Quindi arriva in Piemonte: a Torino conseguì il diploma di Ingegnere Elettrotecnico. Ritornò a Napoli per lavorare nei cantieri Armstrong fino al 1903; l'anno dopo tornò a Teramo dove proseguì la professione di Ingegnere Civile. Si appassionò alla fattibilità di realizzare condotte idriche per agevolare le popolazione della provincia teramana, che venivano servite solo da pozzi o fontane alimentate da sorgenti locali, purtroppo a rischio di inquinamenti; progettata l'opera, fu da lui attuata con il suo stretto collaboratore, il Geometra Giovanni Bona. Il lavoro di Alfonso Del Albertiis, nel corso degli anni, fu però incredibilmente ostacolato sia dal punto di vista tecnico che da quello amministrativo e politico, ma l'impegnò non mancò mai, fu infatti sempre pronto ad illustrare, coordinare ed intraprendere iniziative per ottenere i finanziamenti, che arrivarono nel 1912, quando fu costituito il "Consorzio per l'Acquedotto del Ruzzo"; le adesioni coinvolsero inizialmente alcuni comuni della provincia, per aumentare poi nel 1914, includendo anche Teramo. L'approvazione arrivò nel 1929 con il decreto regio, e nel 1931 furono appaltati i lavori alla sorgente del Ruzzo; la direzione fu assegnata ovviamente al De Albertiis. L'opera di straordinaria importanza e di fondamentale modernità ebbe fine tre anni dopo nel 1934. L'Ingegnere fu attivo anche nel campo architettonico, spaziando nell'eclettismo italiano e nel liberty. Progettò inoltre centrali idroelettriche sul Rio Arno e nel Mavone, sempre nel teramano fece parte del gruppo che portò avanti la realizzazione della tratta ferroviaria Teramo-Gran Sasso-L'Aquila-Carsoli. Eseguì infine molteplici progetti per ville, palazzi, edifici scolastici, strade, ponti ed ingegnerie civili. Tale carriera straordinaria, un fulgido esempio di intelligenza al sevizio della popolazione della sua terra, si spense nel gennaio del 1942.

Se vuoi condividere questa scheda sui social, puoi utilizzare uno dei pulsanti qui sotto:

Altro nelle vicinanze