NULL San Giacomo - Habitual Tourist
login

Iniziata a costruire nel 1270, la chiesa si affaccia sulla "Strata Sancti Giacobi", una delle principali della città. Completamente realizzata in travertino locale, San Giacomo è un tipico esempio di romanico piceno. La chiesa si sviluppa con orientamento Ovest-Est e con un'accentuata espansione verticale. La facciata a capanna ingloba sul lato destro un'alta torre campanaria realizzata nel XIV secolo ed un elegante rosone a dodici petali con colonnine tortili lisce montate a coppie simmetriche e con capitelli di diversa forma. Sopra al rosone sono collocati, a forma di croce, cinque bacini in maiolica con decorazione di croci e fiori. Il portale principale rimane strombato e definito da due colonnine tortili per lato mentre nella lunetta vi è una raffigurazione ad opera di Sebastiano Ghezzi (1585-1650) di “Madonna col Bambino tra San Giacomo ed Emidio”. L'interno, a navata unica, è diviso da tre archi ed è ripartito in quattro campate con volte a crociera. L'unico altare esistente è quello centrale. Nella parte sinistra si osserva parte di un affresco del XIV sec. raffigurante una “Natività con San Giuseppe e un angelo” mentre in basso si scorge l'effige di una santa del XIII sec. e quella di un San Antonio Abate, attribuita al Maestro di Offida. Sul secondo pilastro laterale è raffigurato un altro santo del XIII sec. Si possono ammirare anche una Madonna col Bambino, una Madonna del Latte e un Santo Vescovo con mitria e pastorale di probabile mano del Maestro di Offida. Ancora una “Psicostasi" (San Michele che pesa le anime) ed una Crocifissione con Madonna e San Giovanni.
Con i restauri avvenuti negli anni trenta del Novecento vennero ripristinati l'originale ingresso ad ovest e l'abside ad est. Alla chiesa di San Giacomo fu molto legato il Venerabile Francesco Antonio Marcucci, figura significativa per la città di Ascoli.

Se vuoi condividere questa scheda sui social, puoi utilizzare uno dei pulsanti qui sotto:

Altro nelle vicinanze