NULL San Giacomo e Quirico - Habitual Tourist
login
Visualizza sulla mappa

Nel quartiere “da Capo” si erge la chiesa di San Giacomo e Quirico.
Della chiesa originaria trecentesca non resta nulla: si suppone che la costruzione di questa chiesa sia stata avviata tra il 1299 e il 1302, si ricorda nelle visite pastorali del XVIII e XIX la presenza di una lapide che ricordava la fine dei lavori nel 1321.
L’aspetto attuale della chiesa è stato il frutto di restauri con trasformazioni sostanziali in stile neo-classico eseguiti nel 1823 e nella prima metà del XX secolo.
La facciata della chiesa parrocchiale, in travertino, si presenta con tre ingressi e copertura a capanna.
Il campanile quadrangolare venne innalzato nel 1918 e su di esso sono installate quattro campane.
L’impianto planimetrico è rettangolare, suddiviso in tre navate; al termine di quella centrale si trova l’altare maggiore, mentre in quelle laterali si aprono quattro cappelle decorate con marmi policromi.
La copertura presenta una volta a botte, pavimento in piastrelle di cemento policromo, zoccolatura in marmo e tinteggiatura in bianco cinericio.
La cappella dell’altare maggiore, lavorata in legno con intagli e dorature, risale alla prima metà del XVIII secolo. Nel timpano resta la tela raffigurante Santa margherita da Cortona, terziaria francescana del sec. XIII, col cagnolino accovacciato: l’iconografia è tradizionalmente attribuita al pittore fermano Ubaldo Ricci (1669-1732).
Nella nicchia centrale restaurata si può ammirare la statua lignea dell’Immacolata che schiaccia con il piede il Serpente, scolpita nel 1930 da G. Stuflesser di Ortisei.
Nella prima cappella a destra è esposto un gruppo scultoreo raffigurante “La Beata Vergine Maria col Bambino” riferibile ad ignoto scultore quattrocentesco.
Subito dopo la seconda cappella a destra, si può ammirare il polittico con la Madonna e il Bambino, San Giacomo Maggiore e San Giovanni Battista. Attribuito variamente a Pietro Alemanno e a Vittore Crivelli, recentemente è stato ricondotto nell’area di un anonimo pittore marchigiano che richiama Cola dell’Amatrice.
All’interno della chiesa è conservata anche la statuina in legno policromo del XVI secolo raffigurante il patrono di Lapedona, San Quirico, martire bambino insieme alla madre Giulitta, proveniente dall'omonima chiesa rurale.

Se vuoi condividere questa scheda sui social, puoi utilizzare uno dei pulsanti qui sotto:

Altro nelle vicinanze