NULL Santi Pietro e Paolo - Habitual Tourist
login

L'edificio in stile romanico predomina il centro storico di Castignano diventando, insieme all'imponente muro di contenimento che cinge l'incasato, una delle caratteristiche architettoniche del paese.
La sobria facciata in cotto è divisa da due piccole lesene che sottolineano il rosone (costituito da dodici colonnine lavorate che convergono su un volto, probabilmente il Creatore, centro dell'universo dell'epoca) e l'originale portale in terracotta composto da tre archi sovrapposti ed adorno di formelle decorate: si notano la figura del gallo (simbolo del mondo pagano consacrato a Marte, poi convertito alla simbologia Cristiana come vessillo della Resurrezione) impiegato per contrastare e scongiurare le forze oscure, e un altro simbolo dall'iconografia alquanto inusuale, una fiera quadrupede con artigli.
Entrando nell'edificio si nota subito il suggestivo affresco del Giudizio Universale: opera attribuita al Maestro di Loreto Aprutino, secondo nuove versioni può essere datato tra il 1426-30.
Per estrapolarne il vero significato dobbiamo fare riferimento al suo scopo didattico di catechesi illustrata per analfabeti: il percorso dell'anima dal destarsi dalla morte fino alla salvezza eterna, passando per il giudizio divino. Le anime finite all'inferno subiscono le pene secondo i dettami del contrappasso, in voga all'epoca, mostrando spaccati di vita quotidiana tardo medievale.
L'opera è completata da un Cristo giudice attorniato dagli angeli, dalla Vergine Maria e dai Santi.
La chiesa è composta da due navate e si possono osservare anche altri affreschi della scuola dei fratelli Salimbeni e di Fra Marino Angeli, che coprono un periodo che va dal XIV al XV secolo.
Più antiche le opere di Andreuccio da Montottone, artista locale del tardo Trecento e nella torre Campanaria, una Madonna con Bambino, di Paolo da Visso o della sua scuola. Vi è anche conservato un Pulpito ligneo di ottima fattura del XVII secolo e i resti del un coro ligneo, di stile gotico, attribuito ad Apollonio di Ripatransone.
L'altare maggiore è dedicato ai Santi Pietro e Paolo e accoglie una tela di Martino Bonfini datata 1602 raffigurante i santi titolari sullo sfondo di Castignano.
Infine rimarchiamo la presenza del reliquiario-ostensorio della Santa Croce, opera d'oreficeria finemente lavorata di età tardo gotica (1488), del famoso orafo Pietro Vannini: essa custodisce le reliquie della Santa Croce e della colonna della flagellazione, donate da Papa Niccolò IV nel 1289, certificate dal suo sigillo personale.

Se vuoi condividere questa scheda sui social, puoi utilizzare uno dei pulsanti qui sotto:

Altro nelle vicinanze