login
Visualizza sulla mappa

Singolare edificio belmontese con fattezze nobiliari, si trova all'inizio di Corso Rubei, subito dopo la sala parrocchiale e la canonica, se ne parla nel XVI secolo quando Giovanni Marino Lucidi, notaio e cancelliere della Congrega del Santissimo Sacramento, aveva in gestione oltre alla chiesa di San Salvatore, il Monte di Pietà e l'Ospedale.
Questo era dedicato a San Martino o anche di San Savino, ed in principio era adibito più che alla cura dei malati, ad accogliere pellegrini e nullatenenti, viene ampliato nel XVIII secolo ed è citato nel 1886 quando era amministrato dalla Congregazione di Carità; viene ancora ingrandito nel XIX secolo.
Nel 1903 le Opere Pie dell'ospedale e di San Savino vengono fuse insieme e poco tempo dopo nel 1908, il governo li obbliga ad utilizzare i fondi per la cura dei malati e a limitare notevolmente l'utilizzo per le beneficenze.
Ancora in funzione nel 1943, si trovano notizie sulla capienza, che era di dieci posti letto e sulle funzioni, che erano principalmente per le degenze delle malattie comuni; viene restaurato dopo il 1949.
Nei decenni successivi sarà dismesso come molte strutture simili, oggi è ancora in parte utilizzato come ambulatorio e per altre attività commerciali.
L'armonica struttura in mattoni ha un bel ingresso affiancato da due lesene che reggono l'architrave dove appare sbiadita la scritta "Ospedale", protetta da un grande cornicione; il grande portone ligneo è sormontato da un lunotto dove fa mostra di sé un rostro in ferro.
Le due cornici marcapiano dividono la facciata in tre parti: al primo piano vi è una fila di semplici ed ampie finestre, alternate da una serie di grandi lesene, sopra vi è la successiva cornice che si a raccorda con le finestre a mezzaluna, che animano il sottotetto, mentre un grande cornicione sporge fino alla grondaia.
Meno appariscente è la facciata sul retro, si intravedono ancora alcune finestre a mezzaluna nella stessa posizione di quelle sulla facciata frontale, in posizione centrale sporge una struttura quadrata, forse parte di una torretta perimetrale della cinta muraria.

Se vuoi condividere questa scheda sui social, puoi utilizzare uno dei pulsanti qui sotto:

Altro nelle vicinanze