login
cerca
apri la mappa

Nasce come piccola chiesa rurale in onore del santo abate francese, assai venerato in queste zone, quando i frati minori Francescani, dovendo abbandonare il precedente convento in stato cadente (situato a ridosso delle mura cittadine), comprarono la piccola chiesa in rovina e vi insediarono il nuovo convento. La costruzione presenta una facciata neoclassica con lesene e un frontone triangolare che sovrasta l'entrata, con la torre campanaria aggiunta nel 1731 ora dimezzata e con il campanile a vela . L'interno, a navata unica, è contraddistinto da nicchioni laterali che contengono gli altari minori; è adornato di stucchi e di affreschi ornamentali secondo la tecnica del "trompe l'oeil"; l'abside e il coro sono sopraelevati rispetto al piano della navata, concentrando le attenzioni sul coro ligneo e sulla pregevole tela di Pier Francesco Mola rappresentante la" Crocefissione" con ai piedi del Cristo la Madonna svenuta soccorsa dalla Maddalena, San Giovanni e San Francesco. Negli altari lignei laterali risalenti al XVII secolo, vi sono conservate diverse opere significative come : la "Madonna del Rosario" olio su tela con le figure dei Santi Pietro, Domenico, Egidio e Santa Caterina d'Alessandria di Simone De Magistris proveniente da San Pietro e un'importante "Annunciazione" di Giuseppe Ghezzi proveniente dalla chiesa rurale di Santa Maria della Valle. Inoltre vi è una preziosa tela con la figura della" Madonna del Suffragio" di Sebastiano Conca con San Domenico e Santa Caterina da Siena e lo stemma della famiglia nobiliare Franceschini, e una copia dell'Annunciazione di Guido Reni. Sulla parte occidentale, all'altezza dell'altare maggiore e in posizione sopraelevata, l'organo a canne dei Fratelli Martinelli (1848) tuttora accompagna le funzioni religiose. Nella chiesa di Sant'Egidio vi è anche conservata una "Pietà" di arte nordica del XV secolo, statua in terracotta policroma. La Madonna è seduta nell'atto di sostenere sulle ginocchia e con la mano destra il corpo del Cristo, figura veneratissima dai castignanesi, la cui festa viene celebrata la prima domenica di settembre

invia commento

Registrati

Per commentare devi essere registrato

registrati