login
cerca
apri la mappa

Nasce ad Ascoli, il due di gennaio del 1826.
Dopo gli studi nella sua città di origine si trasferisce a Roma dove consegue la laurea di Giurisprudenza. Inizia dopo poco tempo ad esercitare la professione forense presso importanti studi, e nel corso degli anni diviene uno dei più importanti giuristi, acquisendo fama e onori e distinguendosi per quel che concerne il Diritto Canonico e Feudale.
Estimatore di Camillo Benso conte di Cavour, si iscrisse al partito Liberale, contrapponendosi allo stato pontificio.
Dopo il 1867, essendo perseguitato dalla polizia del Papa, scelse la strada dell'esilio e fu vittima anche di oscure minacce, come fu accertato nel corso di procedimenti giudiziari svoltisi a Terni.
Dopo il 1870 si candidò in politica e fu eletto per ben quattro legislature, fino al 1892.
Prese parte come relatore ed oratore ad importanti disegni di legge come il codice di procedura penale, di costruzioni ferroviarie e sulle attività sia industriali che scolastiche.
Ebbe sempre a cuore le Marche e il Piceno, tanto che aprì fondazioni per aiutare i giovani della sua terra che operavano a Roma.
Si spense il trenta di novembre del 1897.

invia commento

Registrati

Per commentare devi essere registrato

registrati